Il boom di vendite di Tiffany, i diamanti e i cuoricini

Tiffany

Carla Sozzani, trendsetter internazionale, propone sul sito di 10 Corso Como per lo shopping online le sneakers Superga con il pattern del flagship a 65 euro, mentre in negozio – racconta in un commento Pulchra – c'è un bel display di All Star.

Da Tiffany ci sono le code fuori dallo store di via della Spiga per acquistare il braccialetto in argento con il charm a cuore da 200 euro (o qualcosa meno), mentre sul sito del gioielliere newyorkese c'è la catenina con il cuore turchese (qui a fianco) a meno di 150. Dollari.

Mix-and-match sembra la parola d'ordine per tutto il mondo della moda e della gioielleria e del lusso. Proprio ieri Tiffany ha alzato le stime annuali dei profitti, grazie a vendite cresciute del 17% a 799,1 milioni di dollari negli ultimi due mesi del 2009, la cosiddetta holiday season. Tutti anelli con favolosi diamanti solitari? L'agenzia Bloomberg attribuisce questo balzo alla ripresa dello shopping da parte dei "consumatori ricchi dopo il rimbalzo dei mercati azionari e l'aumento dei valori immobiliari". Sarà. Io penso invece che siano soprattutto cuoricini. Ma tanti.

Commenti

Condivido anche qui!Tanti tanti cuoricini, non se ne può più di vederli in giro! Anche tanti falsi, tanti, tanti, tanti....

Poichè detesto il marchio ma non disdegno le loro chiavi, per natale con un po' di provocazione il mio fidanzato mi ha regalato una chiave con catenina. La catenina non mi piaceva, così oggi sono andata a fare la fila per il cambio. Un'esperienza terribile, durante la quale ho visto uscire due paia di orecchini da 200 euro, alcuni braccialetti e diverse collane con cuore. Ho lottato con la commessa che mi spingeva verso collane bruttine e non voleva demordere. Ho confermato la mia idea: Tiffany deve la sua fortuna attuale alle adolescenti un po' capricciose, che forse non sanno con che catena di montaggio (fila, chiedi, ti fanno vedere il catalogo, se scegli qualcosa allora lo puoi vedere di persona) vengono venduti i loro oggetti del desiderio. La stessa cosa vale per come si vendevano Neverfull alla vigilia di Natale, arrivavano vuote e ancora con la piega dal magazzino di Vuitton, dallo scatolone alla cassa.

@fabiana, dunque su questo blog ha debuttato la coda da tiffany "live" (o in lieve differita)...
@ilsarto, è vero, ormai ci sono migliaia e migliaia di cuori falsi in circolazione

@Bottelli: PRECISIAMO, sono stato io a dare l'anteprima delle code chez Tiffany! .-) Scherzi a parte, con Tiffany si ha forte immagine a prezzo molto contenuto..e benchè entrare da Tiffany NY sia deprimente (code agli ascensori e arredi inesistenti e vecchiotti) ci sono ancora molto ragazze americane per che l'anello di fidanzamento, vero investimento ed obbligo negli Usa , scelgono piccoli o grandi rocks di Tiffay.

@fabiana vero verissimo, vuitton comunicazione eccellente, prodotto interessante, servizio in boutique :-( very disappointing
io adoro il servizio di prada in galleria, hermes (anche solo per l'acquisto di un profumo) e pochi altri
rifuggo le code stile abercrombie, moncler, tiffany anche se i prodotti non mi dispiacciono...mi secca perdere tempo in coda (e poi perche?)

@Pulchra: ti vorrei ricordare la coda da Hermes di 30min per pagare prima di Natale..sarebbe stato facile molare lì il regalo, poi però?!! Quindi pure la coda da Hermes si fa..
Servizio boutique&clienti: Gucci nn mi ha ancora fatto sapere dove sono finite le mie scarpe da 600eu comprate il 20 dicembre, fallate, in arrivo quelle nuove da Roma. Stanno arrivando a piedi?

ok ammetto di non essere entrata da hermes prima di natale ;-)

Cara Paola, hai proprio ragione: conosco genitori che hanno subito code spaventose per far felici le figlie adolescenti, tutte ossessivamente fissate sul braccialetto d'argento con cuoricino di Tiffany. A Roma, prima di Natale, ci volevano almeno tre ore per poter acquistare il braccialetto. E in quelle code, a prenderla bene, si faceva una gran esperienza d'umanità e d'accenti, quasi mai chic. Ma il colmo del masochismo da coda per carabattole, credo si realizzi da Abercrombie. Ciao!

Cuori senza dubbio e tanti, ma per fortuna Tiffany non è solo questo. le collezioni peretti sono oggettivamente belle e conosco gente che ha fatto i salti mortali per avere le fedi in tempo per le nozze. magari mentri i "babbo" compra il bracciale alla figlia prende anche un pensierino per la moglie. Io personalmente ho regalato il bracciale a mia sorella. Rubato. Per me ho preferito gli occhiali da sole Hepburn Style in Colazione da Tiffany.

il bello di tiffany e' che, secondo me, rappresenta un macrocosmo composto da tanti microcosmi che vanno a toccare i vari momenti chiave della vita con una serie di prodotti accessibili o iper-cari, che comunque accontentano tutti i gusti e tutte le fasce di prezzo, inoltre ha saputo creare degli oggetti o collezioni icona che si distinguono da tutti gli altri prodotti, e poi vuoi mettere quel meraviglioso packaging verdino, il tram di natale e l'atmosfera di sogno che comunica? anche se poi magari fare un acquisto sotto natale assomiglia piu' ad un incubo che ricorda il carbone della befana

Scusate, ma i falsi di Tiffany la gente dove li compra? Mi dicono che spopolano anche i falsi Moncler a Milano, ma io questi rivenditori non li vedo mai (non che li stia cercando in realtà). Spezzo però una lancia in favore del servizio di Vuitton al di fuori del periodo di Natale: son brave ragazze. La formazione da Prada è eccellente, sono piena di aneddoti grazie ad una amica ex commessa in galleria.

@malibulagoon, tu non avevi scritto di avere fatto la coda, fabiana sì...
@fabiana, chi le risponde indicando dove sono i falsi? non per comprarli, eh!, che si fa peccato! solo per curiosare...
@laura, non ho capito chi ha rubato il bracciale tiffany che hai regalato a natale a tua sorella...
@camilla baresani (ciao!!), esperienza di umanità e accenti mi è piaciuto tantissimo: è proprio così. pensa che ho amici romani e pugliesi i cui figli sono arrivati in treno in giornata a milano per mettersi in coda, farsi fotografare con i commessi-ninja, acquistare la felpa e rientrare a casa!

gentili dame ,perdonate l'incursione,ma se a corso como, l'eldorado del trendsetter, regnano le scarpe di pezza,economiche che più non si può, vuol dire che questa ripresa dei consumi dovrà aspettare l'autunno..
perdonate l'argomento prosaico rispetto a tiffany , ma in questo splendido blog manca talvolta un tocco maschile...
baciamo le mani

@Fabiana: scrivi su internet tiffany, salta il primo risultato (che è il loro sito) e tutto quello che trovi sotto è falso al 100%, oppure se vuoi unire l'utile al dilettevole un bel viaggio in quel del far-east e trovi tutto, and last but not least Ebay.
Per Tiffany credo che la sua fortuna sia oltre ad possedere un heritage di tutto rispetto (è un'azienda fondata nel 1837 con una tradizione secolare nella lavorazione dell'argento) aver avuto la miglior forma di pubblicità indiretta con un'icona quale Audrey Hepburn e il mitico "Colazione da Tiffany" che ha fatto da cassa di risonanza nei decenni a seguire (vedasi la stessa cosa per Chanel con Marilyn e lo Chanel N°5)

L'unica coda che prediligo è quella del mio persiano bianco.
@Camilla&Paola il vostro baluginante elitarismo pseudo-borgh
denota intelligenza superficiale e approssimativa in periodi di macelleria sociale come questi...il suo culmine è sempre quello del linciaggio di massa. Rinsavitevi!
..e ricordate che quì qualcuno vi ama..
M.G

@marco, camilla e io non siamo elitarie pseudo-borghesi, dai... semplicemente croniste (camilla, in realtà, è pure un'affermata scrittrice). leggi bene... poi macelleria sociale e linciaggio di massa non capisco a che cosa siano riferite, questo genere di toni non fa parte del mio vocabolario e/o stile di vita e di lavoro
@il sarto, ecco il suggerimento per fabiana, che non sa dove trovare il fake tiffany
@croupier, la crisi non è finita, purtroppo, almeno secondo me. ora mi ingegno per trovare qualche argomento più maschile

Ok sui fake online, pensavo si trovassero anche per le viuzze della città. Lo dico perchè non mi immagino gli italiani wannabee che comprano fake su internet pagando anche le tasse doganali per averli. Comunque ho avvistato fake di Chanel in una boutique fighetta di Saronno e sono rimasta sconcertata.

paola, purtroppo ignoti. :-(

@laura, se la tua risposta significa che non conosci i cuoricini tiffany, ti comunico che si può vivere benissimo anche senza saperne nulla!

"@laura, non ho capito chi ha rubato il bracciale tiffany che hai regalato a natale a tua sorella..."
"paola, purtroppo ignoti. :-("
l'algoritmo purtroppo è il seguente:
conosco / comprato / regalato a mia sorella / gancio di chiusura rotto dopo poco / riparazione for free / rubatole in università / ricomprato / gancio di chiusura rotto di nuovo.
:) buona giornata

Paola, questo genere di 'toni' dovrebbe far parte del tuo vocabolario, stile di vita o quanto meno di lavoro visto che il tuo blog è del sole24ore e non style/vogue tanto per dirne uno...

Scrivi un commento